L’abuso ai piani superiori non comporta l’acquisizione di tutto l’edificio nè dell’intero sedime e dell’area pertinenziale

Con la sentenza n. 2565 del 2009, il TAR Brescia ha deciso un caso riguardante l’inottemperanza a un ordine di demolizione datato 1992. Dice il TAR che: “10. Con il secondo e il terzo motivo di ricorso si lamenta la violazione dell’art. 7 comma 3 della legge 47/1985 con riferimento al sedime e all’area pertinenziale dell’edificio. Da un lato il … Continua a leggere

A quale tipo di intervento sono riconducibili le opere perimetrali di chiusura di una preesistente tettoia aperta?

Data una tettoia aperta su tre o quattro lati, legittimamente esistente o condonata, ci siamo chiesti a quale tipo di intervento sia riconducibile la chiusura di tale tettoia mediante la realizzazione delle opere perimetrali (tamponamenti verticali). La prima ipotesi fu che si trattasse di una manutenzione straordinaria, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, lettera b) del D.P.R. 6 giugno 2001, n. … Continua a leggere

Il Consiglio Nazionale del Notariato ha pubblicato la guida all’acquisto certificato degli immobili

Segnaliamo che il Consiglio Nazionale del Notariato, in collaborazione con le principali associazioni del consumatori, ha pubblicato una interessante guida per i cittadini, utile per acquistare immobili dotati delle necessarie certificazioni previste della legge (agibilità, sicurezza degli impianti, efficienza energetica). guida_acquisto_certificato del Consiglio Nazionale del Notariato.pdf

Il nomen juris del provvedimento non vincola il giudice. L’ordinanza contingibile e urgente non può essere usata per tutelare il riposo di un singolo cittadino

  Secondo il TAR Toscana, sez. I, 7 giugno 2010, n. 1704, l’ordinanza contingibile ed urgente spiccata dal sindaco di un comune nell’intento di “salvaguardare la quiete e la privacy in un contesto architettonico specifico”, è viziata da “sviamento di potere” qualora non sia immediatamente evidenti il pericolo generale che si intende fronteggiare.   Nel caso di specie, il Sindaco … Continua a leggere

Come si coordina l’art. 844 del codice civile con le normative pubblicistiche in materia di rumore?

L’articolo 844 del codice civile pone un vincolo ai livelli di rumore che possono essere immessi nei fondi vicini stabilendo che: “1. Il proprietario di un fondo non può impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino, se non superano la normale tollerabilità avuto anche riguardo … Continua a leggere

La comunicazione per l’avvio di attività di recupero rifiuti non pericolosi non ha valore di titolo abilitativo edilizio

Un Comune, preso atto dell’installazione di un impianto fisso per la frantumazione (frantoio e vagliatura) di materiale inerte sull’area nella disponibilità della società ricorrente, della creazione di un deposito di materiali provenienti dal frantoio e da demolizioni (con occupazione di un’area di circa 2400 mq.), nonché della sopraelevazione della recinzione esistente (condonata a ml. 2.20) fino all’altezza di circa 3 … Continua a leggere

L’accordo col quale il privato si impegna a realizzare opere pubbliche in cambio di diritti edificatori è (in parte) un appalto pubblico di lavori

Il TAR Parma, con la sentenza n. 82 del 2010, ha esaminato il caso in cui, in forza di accordi convenzionali tra il privato e il Comune, il primo si obbliga a realizzare opere pubbliche in cambio di utilità urbanistiche (diritti edificatori). Il TAR, aderendo alle tesi espresse dall’Autorità di Vigilanza nella determinazione n. 4 del 2 aprile 2008, afferma … Continua a leggere

Il testo coordinato delle disposizioni in materia di conferenza di servizi, a seguito del decreto legge 78/2010

Pubblichiamo in allegato il testo attualmente vigente delle norme in materia di conferenza di servizi, a seguito del  decreto legge 31 maggio 2010, n. 78 (in SO n. 114, relativo alla G.U. 31/05/2010, n. 125), che ha disposto con l’art. 49, comma 3, lettera a), la modifica dell’art. 14-quater, comma 1; con l’art. 49, comma 3, lettera b) la modifica dell’art. … Continua a leggere

Il nuovo regolamento per sportello unico per le attività produttive (SUAP)

Il Consiglio dei Ministri n. 96 del 10.06.2010 ha definitivamente approvato tre importanti provvedimenti (ancora in attesa di emanazione e di pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale e, pertanto, non ancora entrati in vigore): Su proposta del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro per la semplificazione normativa, Roberto Calderoli: due regolamenti in materia di avvio dell’attività di impresa, sui quali sono … Continua a leggere

La competenza in materia paesaggistica nel Veneto: ruolo dei comuni e della regione. I piani attuativi

L’avv. Stefano Bigolaro di Padova, che sentitamente ringraziamo, ci inva la nota che pubblichiamo in materia di competenza paesaggistica nel Veneto, nella quale si esaminano il ruolo dei comuni e della regione, la verifica da parte della regione, la differenziazione dei procedimenti, la valutazione paesaggistica e i piani attuativi.  competenze paesaggistiche nel veneto.pdf