La Corte Costituzionale dichiara parzialmente illegittima la legge che disciplina il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari allegato al bilancio di previsione

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 340 del 30 dicembre  2009, ha dichiarato parzialmente incostituzionale la disciplina del piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari allegato al bilancio di previsione, di cui all’art. 58, comma 2, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito in legge 2 agosto 2008, n. 133, per violazione dell’articolo 117, terzo comma, della Costituzione, in quanto lesiva delle prerogative regionali.

La Corte precisa, però, che rimane salva la disposizione nella parte in cui stabilisce che: “L’inserimento degli immobili nel piano ne determina la conseguente classificazione come patrimonio disponibile e ne dispone espressamente la destinazione urbanistica”. In questo modo, la deliberazione assume valore di adozione di una variante urbanistica, la cui approvazione dipende dalle normative regionali.

Pubblichiamo una nota dell’avv. Marta Bassanese circa gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale.

Nel caso specifico della Regione Veneto, i primi commentatori ritengono conseguentemente applicabile  alla fattispecie la disciplina delle varianti urbanistiche “finalizzate o strumentali alla realizzazione di opere pubbliche e di impianti di interesse pubblico“, che il Comune può adottare (ai sensi dell’art. 48, comma 1, della L.R. n. 11/04) prima dell’approvazione del PAT, seguendo la procedura di cui all’art. 50, comma 3, della L.R. n. 61/1985 (vale a dire sottoponendo la deliberazione di adozione della variante all’approvazione regionale). 

Marta Bassanese Effetti della sentenza della Corte Costituzionale n 340 del 2009.pdf

Corte costituzionale sentenza n. 340 del 2009.pdf

 

 

La Corte Costituzionale dichiara parzialmente illegittima la legge che disciplina il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari allegato al bilancio di previsioneultima modifica: 2010-01-07T17:37:00+01:00da venetoius
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento