L’offerta in un plico “chiuso e sigillato” a pena di esclusione

Il Consiglio di Stato, con la decisione n. 4295 del 6 luglio 2010, ha deciso che, nel caso in cui il bando di gara preveda che le offerte debbano essere presentate in un plico “chiuso e sigillato”, a pena di esclusione, è illegittima l’ammissione di una offerta contenuta in un plico chiuso esclusivamente con colla e nastro adesivo, privo di qualsiasi sigillatura.

Nella decisione, peraltro, si precisa che non necessariamnete la sigillatura deve essere fatta con la ceralacca (sembra di capire che potrebbe essere fatta con le sigle sui lembi di chiusura).

Decisione CdS 4295 del 2010.pdf 

L’offerta in un plico “chiuso e sigillato” a pena di esclusioneultima modifica: 2010-07-13T09:42:00+02:00da venetoius
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento